Spugne & conigli

Ci sono le ricorrenze; ci sono le tradizioni, quelle che hanno un sapore speciale perché sono nate contestualmente alla ricorrenza stessa; ci sono le amiche e ci sono i picnic di primavera. E fin qui, penso che anche dall’esterno il ragionamento si possa seguire. E poi però ci sono i conigli: quelle infinite repliche di un unico e oramai mitico esemplare, che come ogni nume tutelare che si rispetti nessuno sa mai dov’è ma si materializza ogni volta al momento giusto in una veste diversa. E sul coniglio il collegamento diventa un po’ meno immediato, Continua a leggere

Un sottobicchiere DIY per tutte le stagioni

coasters_thumbLa civetta abita nella parte destra del cervello. La mia recente, attenta lettura del manuale di disegno di Betty Edwards* ha portato fondamentalmente a questa conclusione. E mentre sei lì tranquilla a prendere un tè con le amiche (fortunata io 🙂 ), mentre tutte ammirano i sottobicchieri di gomma ingarbugliata della padrona di casa, la pennuta comincia a raspare nella materia grigia e il cervello destro li vede già tutti belli ri-progettati e ri-realizzati, i sottobicchieri, fatti di colla a caldo. Rossa. E poi quando sono tornata a casa li ho dovuti fare, a quel punto non è che potevo più decidere. Continua a leggere

Il fuoriporta coniglio

coniglio_thumbGioco d’anticipo. Faccio mie le leggi del marketing. Via le zucche e largo alle renne; via la calza e arrivano i conigli. Anzi, guarda, c’è anche un cuore in questo post… due piccioni con una fava! Come avevo anticipato, la stoffa stampata con i conigli era tanta. Oltre alle pochette con la cerniera, ne è uscita anche una decorazione da usare come fuoriporta o in cucina, dal carattere allegro e primaverile. Continua a leggere

I cuscini di Rudolph

rudolph_thumbRudolph ha il naso nero, non rosso. È peloso e marrone, ma senza corna. Eppure una slitta la potrebbe tirare, anche con tutte le renne sopra, tanto è forzuto. Rudolph è un cagnone manfano e sbavone, di quelli incrociati e purtroppo “allevati” per essere cattivissimi, che quando ti guarda con la testa un po’ piegata di lato, un orecchio avanti e uno indietro e la lingua penzoloni ti chiedi chi, tra te e lui, stia prendendo un grandissimo granchio. Continua a leggere

Il calendario dell’avvento di Bice

bice_thumbVi presento Bice, la renna scalatrice. È la protagonista del mio avvento di quest’anno, anche se lei lo chiama conto alla rovescia perché l’avvento non sa neanche cosa sia. Bice è una tipa tosta; è flemmatica, sistematica, inarrestabile. Sa che il suo obiettivo è l’albero e che ha ventiquattro giorni per raggiungerlo, a tappe serrate; ma non bara, eh? per ora è lì, ferma ai blocchi di partenza, si concentra e focalizza la stella lassù in cima. Continua a leggere

Il sacchetto del pane (di stoffa!)

portapane_thumbOgni tanto la produzione nel Fancyhollow si ripete, anche se difficilmente la civetta lavora in serie. Questa volta ho replicato un oggetto già fatto, in forma un po’ più semplice ma con l’aggiunta di una piccola decorazione. L’idea è quella di un cestino per il pane di stoffa, un po’ rigido e che stia in piedi da solo: un cestino i cui bordi si possono arrotolare, proprio come quelli di un sacchetto (del pane, appunto…); in questo caso anche il colore ricorda il marroncino della carta!

Continua a leggere

Copricuscino in sei cuciture – tutorial

cuscini_timbri_thumbSei. Soltanto sei cuciture. Già dal titolo si capisce che questo è un post ad alto tasso di approssimazione, per cui, sarte precisine, astenetevi o leggete col naso tappato… che alla fine potrete sempre rifarvi gli occhi con le zip perfette e le cuciture ribattute di Stravagaria! 😉 Questo è un tutorial per crafter sfaticate o sartine arruffone, di quelle che quando si siedono davanti alla macchina hanno già davanti agli occhi il prodotto finito e non si spiegano come mai quelle cuciture non si siano ancora materializzate da sole, ché loro tempo da perdere non ce l’hanno e vogliono passare alla parte più divertente: la decorazione! Continua a leggere