Quiet book per bimbe cresciute

librorecchini_thumbForse avrei dovuto intitolare diversamente questo post, tipo: “portagioie in feltro“, per far capire subito di cosa si tratta; o “espositore per orecchini“, per suggerire un possibile uso dell’oggetto in questione; o ancora “il libro degli orecchini“, per creare aspettativa e sorprendere con la rivelazione. Ma c’è poco da fare: la cosa che mi ricorda di più è proprio un quiet book, uno di quei libri di tessuto da bambini, morbidi, tra le cui pagine si può giocare con bottoni, personaggi e taschine nascoste (bellissimi quelli realizzati da Elena di Mostracci!). Anzi, non escludo che ad ispirarmi la soluzione al mio cronico brodo primordiale di orecchini sia stata proprio la stizza di non poterci giocare io, con un quiet book. Tiè. E invece così ho anche la scusa di tenere in ordine.

librorecchini_1

Per costruire il libro sono partita dalle pagine, rettangoli di pannolenci bianco (lunghi un po’, larghi abbastanza); ho poi preparato due rettangoli uguali per la copertina, un po’ più grandi delle pagine. Ho cucito si tre lati questi ultimi e poi, uno per volta, ho inserito all’interno e cucito i rettangoli di cartone per dare sostegno al davanti, al dietro e alla costola.

librorecchini_2

Nel sostegno della costola ho praticato prima i due fori in cui passare il filo della rilegatura, in modo che poi, una volta inserito all’interno del pannolenci, fosse più facile trapassare il cartone con l’ago. Per la rilegatura ho utilizzato un filo di lana legato all’esterno con un fiocco.

Costruito il libro sono passata alla decorazione: un pizzo grezzo incollato con la colla a caldo e poi, pensavo, un nastrino (che avevo preparato anche nella prima foto!). Ma non mi piaceva; né il nastrino, né i bottoni, neanche le perline… infine, prova e riprova, mi sono accorta che l’ispirazione era proprio lì accanto a me, come sempre, che mi guardava con gli occhioni sgranati!

librorecchini_3

Una volta finito ho agganciato all’interno tutti gli orecchini, miracolosamente accoppiati. Così posso scegliere quali indossare in base al gusto e al colore, invece che affidarmi alla sorte per trovarne due uguali!

librorecchini_4

Il libro ha due giorni di vita, e già gli orecchini usati in questi due giorni, usciti dal libro, sono tornati a giro nel cassetto. Ma tanto il gioco era quello di rimetterli a posto, no? Potrei stare buona delle ore…

10 pensieri su “Quiet book per bimbe cresciute

  1. Che bello! Quando parli di cronico brodo primordiale mi ricordi tanto tanto la mia secondogenita.😀 le servirebbe proprio anche se l’ordine, come nel tuo caso, durerebbe giusto il tempo di sfogliare il quiet book un paio di volte… Massì, tanto gli orecchini stan bene anche spaiati, basta spaiarli con gusto😉

  2. Hai avuto una bellissima idea a usare questi libri per uno scopo diverso! Vedo anche che a differenza di me sei stata “creativissima” durante la mia assenza dal mondo blog!!!
    Sono felice di ritrovarti,un abbraccio grande
    Dani

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...