Storia di un albero #1. Il tavolino-ceppo

ceppo_thumbC’era una volta, nel giardino del Museo Archeologico di Firenze, un albero di Paulownia. Dell’albero, malato da tempo, era rimasto poco più che un fusto senza rami, sebbene altissimo, finché un paio di anni fa la pianta è stata tagliata. Fortunatamente all’epoca ho avuto la possibilità di ottenere uno dei bellissimi ceppi in cui il tronco è stato “affettato”, con l’idea, ben chiara fin dall’inizio, di ricaverne un piano di appoggio per il salotto… e finalmente adesso ho avuto la possibilità di realizzarlo! Per prima cosa il ceppo è stato privato di tutti i residui di corteccia, che già era in gran parte saltata via man mano che il legno si asciugava; poi sia i piani che la superficie esterna sono stati lisciati. Date le mie scarse nozioni di falegnameria, ingenuamente pensavo che per ottenere un buon risultato fosse sufficiente una scartavetrata, ma non appena mi sono messa all’opera mi sono resa conto di quanto sia difficile e dura da maneggiare una fetta di albero… Ho recuperato allora un’attrezzatura un po’ più seria, composta di pialla, raspa, lima e scalpello del nonno tuttofare, e dopo una bella montagna di trucioli e un gran polverone sono venuta a capo della situazione:

lisciaturaAnche dopo aver finito, però, la superficie non era ovunque perfettamente liscia (eh, lo scalpello a volte scappa e va per conto suo…): ho quindi stuccato le imperfezioni più evidenti, chiudendo anche il foro al centro degli anelli dell’albero.

attrezziA questo punto è partita la seconda fase, di verniciatura. Come ho visto più volte su Pinterest, volevo colorare il ceppo, di bianco. Per farlo ho usato un impregnante ad acqua, che lascia trasparire tutte le venature del legno. Va steso in più mani (io mi sono fermata a due), scartavetrando leggermente con la carta sottile tra una mano e l’altra.

TAVOLINO_CEPPOQuesto oggetto, tanto a lungo accarezzato nei miei progetti, appena nato mi è già molto caro per tutte le storie che racchiude. Intanto è un albero ed è molto vecchio, e a me gli alberi e le cose vecchie piacciono tanto. In secondo luogo mi ricorda un ambiente a cui sono affezionata. Infine mi affascina perché, come su una mappa illustrata, sulla sua  superficie si possono leggere le vicende che ha attraversato, dagli anelli di accrescimento, alle gallerie scavate dagli insetti, alle tracce lasciate dagli attrezzi di famiglia, che da piccola tante volte ho visto in mano a mio nonno e che producevano quei riccoli di legno che a manciate raccoglievo dal pavimento del garage. E c’è chi lo chiama pezzo di legno…

tappo_sughero

8 pensieri su “Storia di un albero #1. Il tavolino-ceppo

  1. Ciao, arrivo qui da Alice (panelibrienuvole), è troppo bello questo tavolino, tu brava a trasformarlo così e non posso esimermi dal lasciare una carezza alla micia (Buba?), amo i gatti. Buona giornata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...