I pantaloni alla turca

Ecco qua! Gestazione un po’ lunga… ma progetto realizzato!

Cominciamo subito col dire che alla fine è venuto un capo decente, ma non così chic da indossare al matrimonio, come mi ero prefissata (e dire che ci avevo anche cercato un coprispalle coordinato…). E, già che ci siamo, diciamo anche che è venuto qualcosa di simile a quello che il modello prevede, ma non esattamente “quello”; un po’ è colpa mia, che fin dall’inizio ho voluto complicare le cose per arricchire il salwar, un po’ della pezza di stoffa, che è finita prima del previsto, un po’ delle prove finali che non mi convincevano appieno. Ma andiamo con ordine.

salwar, pantaloni alla turca

Ai pantaloni tagliati secondo le indicazioni del modelloho aggiunto le due fasce alle caviglie, con il tessuto messo a doppio e ricamato con il filo di lamè e le perline prima di attaccarle ai pantaloni; così ho potuto far rimanere il rovescio del ricamo e le fermature dei fili all’interno, in modo che, a lavoro finito, fossero nascosti. Le fasce devono essere molto strette e leggermente trapezoidali, in modo da aderire bene alla caviglia e poter sostenere gli sbuffi della parte superiore dei pantaloni. Adattando il modello alle mie misure e a quelle della pezza che avevo a disposizione ho ottenuto una circonferenza in vita di 120 cm, in cui, come da indicazioni, ho infilato una coulisse. “Finito!” – ho pensato. No. 120 cm che si riducono a circa la metà strizzati da una coulisse diventano un sacco di patate, non un paio di pantaloni. E l’effetto era veramente tremendo… Così ho optato per un’altra soluzione, copiata da un paio di pantaloni alla turca che già possedevo: tagliare due piccole aperture sui fianchi e applicare quattro nastrini alle estremità. Così i pantaloni si indossano allacciando davanti i nastrini delle estremità posteriori e dietro quelli delle estremità anteriori, e si adattano meglio ai fianchi senza antiestetici sbuffi.

dettagli salwar

Non ho avuto la pazienza di fotografare i passaggi mentre cucivo, ma ricordo (più o meno!!!) quello che ho fatto e posso spiegarlo… Chissà se li metterò?

______________________________

Ti potrebbero interessare anche:

La gonna birmana (o quasi)

Da pantaloni... a gonna!

3 pensieri su “I pantaloni alla turca

  1. Belli! Dalla descrizione avevi reso perfettamente l’idea… mi piace molto la chiusura in vita. Ne ho una simile per un paio di pantaloni di lino, ma la parte posteriore si fissa con un bottone a pressione che si apre facendo crollare il tutto con effetti devastanti nei momenti peggiori! Invece la soluzione con i laccetti è ottima… Bello anche lo sfondo nuovo: approvo! Baci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...