Come recuperare (forse) un capo sbiadito *

* Progetto realizzato!

Ecco un bel sistema per perdere un po’ di tempo e (con un pizzico di fortuna!)  “refashionizzare” una camicia o una maglietta che, sbiadite da un lavaggio un po’ azzardato o semplicemente dall’uso, non si portano più ma non si buttano neanche via, perché “non si sa mai” (io ne ho i cassetti pieni, di cose che “non si sa mai…”). E allora… candeggina alla mano, e scoloriamo tutto!

È quello che ho intenzione di fare con questa camicetta nera, oramai importabile ma che mi piace ancora (è stata anche già ritinta di nero, una volta, ma con scarsi risultati). Prima di immergerla in acqua e varechina, però, ho provato a legarla con del filo, in modo che il colore sia trattenuto in alcuni punti (sui fianchi, in fondo alle maniche e sul nastrino) e crei una decorazione.

Non sono troppo sicura della riuscita, ma una volta ho tentato qualcosa di simile su un sacchetto di tela, in origine blu, che è diventato violetto con dei bei disegni cobalto…

Per ora posso dirvi soltanto che la camicia è passata dal nero all’arancio acceso e poi al giallo canarino, mentre le cuciture rimangono ostinatamente nere… Mmmm… mi convince poco, ma per ora la lascio lì…

Succeda quel che succeda, almeno un tentativo di recupero è stato fatto!